80 anni di Cinema, 80 anni d’ Arte

                                                                      AUGURI INTRAMONTABILE

 

 

Il 30 maggio 1930 nasceva Clinton Eastwood. Conosciuto da tutti, ormai, come “Clint” ha compiuto 80 anni, quasi un secolo  passato per la maggior parte nel mondo del Cinema. Un augurio ma anche un’ esaltante omaggio ad un buon attore ma soprattutto ad un eccezionale regista che ha saputo collezione e dirigere pellicole di livello alto, riuscendo a raggiungere più volte i vertici di Hollywood.  Arruolatosi giovanissimo nella “United States Army”, capisce presto che quello non è il suo destino e, dopo qualche film di secondaria importanza, lavora con Sergio Leone, raggiungendo una svolta di carriera grazie alla storica “trilogia del dollaro”, “Il buono , il brutto e il cattivo”, “Per qualche dollaro in più” e “Per un pugno di dollari” nei quali, recitando come protagonista, raggiunge la consacrazione recitativa, pur essendo un attore non eccezionale. Storica la frase di Leone rivolta al suo pupillo: “Eastwood ha solamente due espressione: col cappello e senza cappello”. Un’ altra svolta per la sua carriera è stata possibile grazie all’ incontro con Don Siegel che, negli anni ’70/’80, lo sceglie per interpretare  l’ ispettore Callaghan, dando inizio ad una produzione importante ma di media qualità. E dopo alcuni film diretti negli anni ’70/’80, è a partire dagli anni ’90 che Eastwood raggiunge l’ “olimpo” del Cinema, non più come attore ma come regista, producendo film davvero unici e di qualità medio-alta, raro per le produzione hollywoodiane. Ricoridiamo fra i 35 film diretti sicuramente “Gli Spietati”  del ’92 ( premiato con 2 Oscar), “Un mondo perfetto” con Kevin Costner nel ’93, “Mystic River” con Sean Peen nel 2003, “Million dollar baby” nel 2004 (che gli valse altri due Oscar), “Flags of our fathers” del 2006, “Gran Torino” del 2008 e “Invictus”, l’ ultimo suo film del 2009.

In un’ ultima sua intervista Eastwood dice: “Ogni volta che faccio un film mi riprometto di riprendermi una lunga vacanza e invece mi capita sempre un nuovo interessante progetto”. E Io onestamente mi auguro che non vada mai in vacanza e attendo i suoi nuovi film “Hereafter” con Matt Damon e “Hoover” con Leonardo di Caprio.